NOVITÀ

Inganni

Un colpo di fulmine tra due che si incontrano per caso, accomunati da una passione che li fa amare e scontrare al tempo stesso. Una narrazione a più voci in cui ogni personaggio ha un suo stile e un suo modo di pensare e parlare: spontaneo o contorto, diretto o intimista. Gli eventi scorrono e cambiano prospettiva, così come le persone sembrano sempre meno scontate di quanto non si giudichi al primo sguardo. Reazioni a catena che si sviluppano attorno ad una complicata storia d’amore, a dimostrazione che tutto è connesso ed ogni nostra azione ha le proprie conseguenze. Tra passioni sentimentali, sociali ed ambientali sono svelati gli inganni di cui è lastricata la strada della vita di ognuno di noi, rendendo incerte anche le nostre scelte da cui, tuttavia, spesso non si può tornare indietro. L’animo umano è tracciato con tutte le sue angosce e le sue perplessità in questa nuova opera della de Cristofaro, che già nei suoi libri precedenti ci ha abituati a guardarci dentro, per provare a capire ed ascoltare noi stessi e il mondo che ci circonda. “INGANNI” è affresco del mondo dei sentimenti in contrapposizione alla ragione, nel quale le sensibilità maschili e femminili hanno, pur con le loro diversità, una voce altissima mentre tentano di spiegare l'inspiegabile dell'amore, dell'odio, della ribellione e della voglia di libertà.

CONTINUA A LEGGERE

Una rosa rossa

Francesco Molinari, classe 1982, Il 22 luglio 2018 è entrato nella storia del golf italiano diventando il primo italiano ad aver vinto un torneo major con la conquista del 147º British Open. Importante l’impresa di Francesco Molinari, che ha vinto l'Open Championship disputato sul green del Carnoustie Golf Links (par 71), in Scozia. Con questa vittoria Molinari è il primo italiano di sempre a vincere un major, uno dei quattro tornei più importanti del golf mondiale. In tale competizione Molinari ha avuto ragione su campioni quali Justin Rose e Rory McIlroy (278, -6), secondi a due colpi insieme a Kevin Kisner e al giovane Xander Schauffele. Ricordiamo ancora un Molinari che dopo quel trionfo tratteneva a stento le lacrime, affermando: "Dedico questo successo alla mia famiglia e al mio staff, a cui devo moltissimo. E' stata una grande lotta ma per fortuna ce l'ho fatta. Congratulazioni ai miei avversari che sono stati assolutamente esemplari. Grazie anche ai volontari che hanno contribuito a rendere questo torneo davvero unico. Vedere il mio nome sulla Claret Jug con i migliori golfisti al mondo è un'emozione incredibile. Sono orgoglioso per quanto ho fatto oggi e in tutta la settimana. Questo successo è molto importante per il golf italiano e mi auguro che oggi tanti ragazzi abbiano seguito la gara davanti al televisore, perchè questa vittoria possa essere d'ispirazione per loro come lo fu per me il secondo posto di Costantino Rocca nell'Open del 1995. Quel giorno, davanti alla TV con la mia famiglia, mi emozionai e piansi quando fu sconfitto da John Daly". Dopo questa clamorosa vittoria, ha continuato un anno di successi anche nel 2019, ma all’inizio di questo 2020, non proprio fortunato per tutti noi, per Francesco Molinari è stato un avvio di stagione da dimenticare: Chicco ha chiuso il primo giro del Farmers Insurance Open a +7, in penultima posizione. Dura, durissima pensare a un rientro in gara per evitare il taglio a Torrey Pines, storico percorso a La Jolla, nei pressi di San Diego. Su due gare disputate, l’azzurro non è riuscito ad arrivare nemmeno al taglio, disputando la finale. “"L'inizio di stagione non è stato buono come speravo e sono un po' indietro rispetto a dove pensavo di essere, ma siamo solo all'inizio. Credo di aver pianificato al meglio le prossime settimane in vista del Masters.” – Afferma il nostro campione, sperando che in futuro, quando tutta la problematica della pandemia sarà passata possa ritornare in forma al 100% e continuare a mietere successi.

Diario di un fotografo

Raccontare una vita intera o quasi nelle pagine di un libro è sempre un’impresa difficile se non impossibile. Soprattutto quando la vita è quella di chi, come Cosimo Stassano, è partito dal niente, immerso nella provincia italiana, per diventare uno dei più importanti fotografi di wedding a livello internazionale. Impegnato in tanti progetti artistici, tra cinema, musica e televisione, ha comunque voluto “consacrarsi” nel settore non facile delle cerimonie, dove sono i sentimenti a farla da padrone, tra inevitabili imprevisti ma anche tanti momenti di gioia vera, che l’Autore non ha risparmiato di raccontare, selezionando quelli che, in trent’anni di carriera, gli sono rimasti negli occhi e nel cuore. Oltre a narrare della sua vita professionale, quest’opera tuttavia ha la sua forza negli aspetti più intimisti che, fra le righe, emergono lasciando il segno. Si svela così un Cosimo inedito, forse a tanti sconosciuto, che dietro la sua passione per la fotografia cela un lato umano da scoprire, comprendere ed amare.

Il Silenzio dell’Ovest

Specchiarsi nella Storia e nella bellezza dell’Arte per ritrovarsi. Una vera e propria rinascita quella di Rossella, giovane adolescente tormentata da uno stato di anoressia mentale in grado di bloccarle la vita e di renderla per anni impermeabile ad ogni richiamo di conquista del sé. Il Silenzio dell’Ovest è il racconto di un percorso psicoterapeutico moderno, a ventaglio, realizzato sia tra le pareti di uno studio professionale sia vivendo la città. Un procedere lento, modulato sulla psicologia di una ragazza timida ma capace di fare propri gli insegnamenti dei filoni aurei della Storia, dell’Arte, dell’Astronomia. Così Rossella inizia a intraprendere i suoi respiri più profondi e a scoprire capacità là dove pensava non ce ne fossero, come avviene al termine di ogni tappa a piedi della via Francigena. Nel susseguirsi di opportunità per riordinare le energie intrapsichiche, Rossella rimane affascinata dal coraggio e dalla tenacia di Cristoforo Colombo e dal suo viaggio immortale, percependo una sintonia con la sua vicenda umana. Sarà proprio grazie alla genesi della Scoperta, che quell'Ovest, divenuto per lei metafora di esplorazione interiore e rimasto per molti anni silenzioso alla sua mente di bambina e di adolescente, lentamente ricomincerà a parlare.

Ebbri di vita

Dopo Racconti. Ebri di meraviglia*, prima opera della serie che celebra il sogno da perseguire per essere speciali, con questa nuova raccolta di storie Angelo Coscia vuole dare spazio a quelli che considera i veri maestri, ovvero coloro che del sogno ne fanno una ragione di vita. Personaggi tra realtà e fantasia crescono senza mai smettere di immaginare se stessi e chi li circonda in un percorso destinato al bene. Quelli raccontati, infatti, sono veri eroi del nostro tempo seppur immersi talvolta nel loro microcosmo, dei “pinocchi” capaci di elevarsi nonostante gli errori, proprio facendosi forza sul loro essere degli inguaribili Sognatori.

Giovanni Stupia

Nato a Milano il 7.9.1951, dopo qualche anno da impiegato come tecnico, è stato poi per tutta la sua vita professionale imprenditore nel settore metalmeccanico. Particolarmente appassionato agli sport, con preferenza per il pattinaggio a rotelle, ha anche praticato tennis, sci e volo libero. Ha viaggiato in oltre 100 Paesi, di cui 13.000 km in autostop, utilizando anche autobus, treni locali, oltre ovviamente a lunghi tragitti in aereo. Ha due giri del mondo all'attivo, uno verso Est ed uno verso Ovest. ovviamente a lunghi tragitti in aereo. Ha due giri del mondo all'attivo, uno verso Est ed uno verso Ovest. Attualmente pensionato, viaggia ancora e tenta inutilmente di suonare il pianoforte. Alcuni degli accaduti descritti nel libro sono reali, come reali sono i luoghi, dove l’Autore si è a più riprese recato personalmente. Anche il campo di prigionia di Yol esiste ancora, ma non è possibile visitarlo essendo a tutt’oggi zona militare.

Cosimo Stassano

Avvicinatosi al mondo della fotografia da giovanissimo, ne rimane affascinato a tal punto da decidere di votarvi la propria intera vita professionale, e spesso non solo. Ai personaggi da lui ritratti negli anni, Cosimo ha sempre donato più di uno scatto: i suoi erano e sono tutt'oggi punti di vista, emozioni fermate nel tempo, partecipando al momento artistico della foto non come uno spettatore distratto ma come vero testimone dei momenti belli che la vita sa regalare. Formatosi a livello internazionale, nel tempo si è consacrato protagonista indiscusso della scena fotografica del wedding italiano, non disdegnando eccellenti partecipazioni a progetti artistici trasversali, come le tante copertine realizzate per i più importanti magazine italiani, le cerimonie ufficiali di famiglie reali immortalate, le trasmissioni tv che lo hanno visto fotografo ufficiale.

Mauro Gatti

Psicologo Clinico e Psicoterapeuta. Ha svolto attività di Osservazione e Trattamento per il Ministero della Giustizia presso Istituti Penali di Porto Azzurro, Lucca, Grosseto, Civitavecchia, Regina Coeli. Responsabile del Progetto della Chiesa Battista per il sostegno psicologico agli Agenti di Polizia Penitenziaria. Mental Trainer negli anni delle Squadre Olimpiche di Scherma, Arco, Pentathlon e attualmente delle Squadre di Pesisitica e di Ginnastica Artistica e Ritmica. È stato psicologo dell’Udinese Calcio. Ha insegnato presso l’Università Salesiana di Roma. Docente della Link Campus University, della Scuola dello Sport del CONI, della Scuola Nazionale di Golf. Ha già pubblicato “Carcere uno spazio per la persona” con Eugenio Fizzotti (LAS - 2007) e “Sotto i Cieli di Santiago” (Albatros Edizioni - 2016).

Angelo Coscia

Il titolo che ama usare per presentarsi è Homo Ludens, essendo quello che, a parer non soltanto suo, meglio definisce il suo essere “un uomo che gioca”. Animatore Sociale, da anni è impegnato come formatore e counselor nell’ambito della prevenzione e del recupero dal disagio e nella promozione dell’agio. Grazie alle sue pagine Instagram e Facebook Angelo Coscia Scrittore, egli riesce ad intrattenere un rapporto costante con il suo pubblico, essenziale per lo sviluppo della sua narrativa in quanto fonte principale d’ispirazione.

Best Sellers
NARRATIVA

Racconti di fantasia partenopea

Una delle prime cose che avverte chi legge questi racconti di Alfredo Salucci è una sensazione di "leggerezza": ovvero una "reazione al peso di vivere", secondo le parole di Italo Calvino. Ciò dipende senz'altro da una felice predisposizione narrativa, che consente all'autore di esprimere quello che sente, fantastica o immagina, senza apparente sforzo. A "sottrarre peso" alla narrazione contribuisce, altresì, la capacità di delineare e rappresentare i tanti e vari personaggi senza fare ricorso a schemi precostruiti, per cui il loro carattere si rivela in modo spontaneo, quasi per germinazione naturale. Così, i protagonisti o le figure minori di queste storie manifestano una propria autonoma individualità che si pone al lettore senza mediazioni esterne che ne alterino l'umanità più profonda.

Il fenomeno dell’immigrazione

Il testo di narrativa “Il fenomeno dell’immigrazione nel tempo attuale. Il suo riflesso sull’Italia” di MariaCristina Iavarone Mormile tocca una realtà con concretezza e ne sviscera tutti gli aspetti in modo chiaro ed obiettivo. Nel seguire le vicende dei neri d’Africa l’autrice ne fa l’analisi storica, ricercandone le cause profonde e le responsabilità degli uomini che non hanno posto un limite ai loro interessi e alla loro sete di dominio quando si sono trovati davanti popoli primitivi facilmente manovrabili. L’effetto nefasto della dominazione dei popoli europei si riscontra anche quando è apparsa all’orizzonte la libertà per la gente d’Africa, infatti…

Piedi nella sabbia

Andrea Meli racconta con ironia la sua vita da simpatico “gaudente”. Una vita che lo ha portato in giro per il mondo e che gli ha fatto esplorare mille lavori diversi, affrontati sempre con grande entusiasmo e passione, fino a quando, un giorno, la dea bendata lo ha toccato... nel portafoglio, facendogli vincere una somma stratosferica. “Piedi nella sabbia” è la storia narrata in prima persona di un uomo che ha avuto una fortuna sfacciata, ma è soprattutto la storia di Andrea, che non smette mai di sognare e di cercare di realizzare i propri sogni con tenacia e fiducia.

Quando il mare si stanca di essere cattivo

Il Tempo, quello che promette, divora e a volte non perdona, capace di riportare a galla sogni e verità celate, quello che scalpita frettoloso e poi, calmo, ti rassicura. È proprio il tempo che travolgerà la protagonista sospesa tra il recupero di un passato indecifrato...


SAGGISTICA

Una storia lunga quarant'anni

Se le mura storiche delle città di Nola e Pomigliano D’Arco, avessero il dono della parola, racconterebbero una storia di grande impegno, chiamata Rotary Club Nola Pomigliano D’Arco iniziata nel 1979, fatta di persone, di soci, di impegno, di entusiasmo e fiumi di opere e progetti realizzati nel mondo e sul territorio, che hanno sempre raccolto il plauso della comunità. Al compimento dei 40 anni, il Rotary Club Nola-Pomigliano D’Arco giunge con rinnovato entusiasmo, senza mai cambiare anima, fedele ai valori rotariani che lo hanno caratterizzato in tutti questi anni, celebrando il proprio passato, ma guardando al futuro. Tutto ciò che è stato realizzato e si sta realizzando è racchiuso in una pubblicazione, che non desidera solo raccontare e celebrare, attraverso i contributi quanti vivono e credono nel Rotary, ma far riflettere su ciò che è il Rotary International e quanto significativa importanza ha nel mondo.

Leonardo. L'eleganza dell'Io

Nella perla di vetro è il futuro: se si definisse l'evanescenza, il futuro sarebbe finito. È un concetto interno, che la mente avverte nello sfumare della voce. È il suggerimento di una configurazione che bisogna accettare senza sapere perché. Il perché possiamo determinarlo nei saperi personali nelle azioni umane, di cui possiamo ricostruire il processo di scelta. La metamorfosi segue le analogie nella ricerca dell'intrinseca forma che se è matematica non è calcolabile - come vollero Galilei e il melanconico Dürer. È una matematica che è anche una fisica, che si insegue come in pittura levando e ponendo, in una geometria che è proporzione, ed ha legame aureo col piacere, beninteso "il piacere del pittore (che) esemplifica la deità, chè la scientia del pittore".

Percorsi

Il Parco Nazionale del Cilento è uno scrigno di meraviglie, un esempio dell'armonica integrazione tra l'opera dell'uomo e l'ambiente naturale Mediterraneo, comprende una grande varietà di paesaggi a pochissima distanza l'uno dall'altro, come un’area collinare o montuosa a pochi passi dalle onde del mare. Offre punti di interesse adatti a molti tipi di turisti, questi punti sono stati divisi per genere e collegati tra loro, abbinando poi per ogni itinerario creato i punti di interesse Enogastronomico nelle vicinanze, per chi voglia arricchire la propria cultura con la degustazione di prodotti e piatti tipici locali. Questo lavoro propone tre percorsi turistici: il percorso Culturale-Archeologico per chi è interessato sempre all'aspetto culturale e storico di ogni luogo, ad osservare testimonianze di antichità; quello Speleologico-Ambientale per chi ama la natura e l'ambiente e vuole fare escursioni di vario genere e osservare l'effetto che il tempo e l'acqua hanno avuto sulla natura; e quello Costiero per chi cerca luoghi di balneazione puliti e sicuri e vuole anche conoscere le sue leggende e sapere le storie di chi ha raggiunto quelle coste. Il tutto accompagnato da quei prodotti e piatti tipici che ogni paesino grande o piccolo del Cilento sa offrire.

World Food

Uno dei settori che da sempre ha un’importanza fondamentale nella quotidianità, è certamente quello alimentare. Un settore che prescinde dalle differenze di cultura, religione o credo politico, e riguarda l’umanità nella sua totalità. Da questa considerazione ne deriva la priorità che questo argomento assume e la motivazione che ha spinto l’autrice a creare questo lavoro: indagare sugli eventuali cambiamenti che il CETA potrebbe introdurre nell’ambito del diritto agroalimentare. Questo libro, quindi, fa una panoramica ed una attenta analisi dei principali trattati stipulati nell’ambito della Organizzazione mondiale del commercio per il diritto agroalimentare e permette al lettore di capire le complesse dinamiche che riguardano questo specifico settore.


POESIA

Ho raccolto una foglia

Sarebbe impossibile anche solo tentare di comprendere la poesia di Angelo Coscia ignorando la sua figura di appassionato militante della cultura e dell’arte e della natura: e della vita. Vi è in lui una sorta di perenne vulcano in perenne attività dal quale deborda costantemente un magma che non porta con sé devastazione ma stravolgimento continuo di sensi e quindi rigenerazione ciclica di tutti i moti e di tutti i movimenti della creazione. Se accettiamo di starcene accortamente in questa metafora, possiamo asserire che i versi di Coscia, i suoi componimenti, hanno un’essenza panica: vengono dalla natura tutta e ad essa interamente vanno. Bartolomeo Smaldone (Poeta)

Pagine di vita

Emozioni. Incontenibile esigenza di esprimere emozioni, di buttare fuori, di sciogliere i nodi dell'anima, quelli impossibili da sciogliere. Emozioni troppo forti che vorresti urlare al mondo intero, condividendo l'immensa gioia che ti lasciano...

Pensieri. Frammenti di vita

Riflessione su momenti, frammenti di vita, di esperienze toccate con mano e di momenti toccati con la mente, ma comunque attinenti alla realtà. Questo il cuore delle poesie. Sono pensieri che fotografano un momento, una sensazione, un’emozione, facendo domande, cercando risposte, alla continua ricerca di un senso, o forse di un non-senso, che muove le nostre azioni, le nostre emozioni e anche la nostra realtà.

Misura esistenziale

Oggi facilmente viviamo in un'epoca, in cui molti si autocelebrano quali poeti. Ma la poesia che ci tocca l'anima e suscita emozioni, non disgiunte da considerazioni profonde come quella di Raito, appartiene ad un gruppo elitario. Il poeta Raito è stato sempre caratterizzato da una certa ritrosia-riservatezza senza inseguire nessuna vanagloria tipica di chi vuole apparire a tutti i costi...


BIOGRAFIE

GIALLI

RAGAZZI

Legami invisibili

Ognuno di noi se porge attenzione alla voce che dentro riecheggia, come nei sogni, si accorge di vivere di legami che non sono visibili agli occhi, spiegabili attraverso parole, ma che ci consentono di vivere e camminare e sognare, sicuri. Sono quei legami che nascono non cercati, da affinità di cuore, inspiegabili, spesso nutriti dalla diversità più che dalle somiglianze.

Una pulce alla conquista del suo mondo

Avete mai pensato di guardare il mondo da una prospettiva diversa? Noi essere umani non immaginiamo come possa essere vivere “nei panni” di un animale, figuriamoci di un esserino piccolo piccolo come una pulce. Saranno le avventure di Sabrina, pulce davvero intraprendente, a farci capire quanto sia bello il mondo nella sua varietà. Sabrina e le sue amiche ci dimostrano come con la forza di volontà e la collaborazione si possono superare anche le più grandi difficoltà.

Comix world. Un mondo a fumetti

Un comics book in cui Matteo Pezzella, in arte Matt, sebbene giovanissimo riesce a creare personaggi degni della grande animazione e della tradizione fumettistica italiana. Tra storie, strip, vignette e piccole gag, l'autore riesce creare tutto un mondo fatto di tanti piccoli e simpatici protagonisti...

La mia cina

Un lungo viaggio di tre settimane in Cina, terra lontana e solo apparentemente conosciuta attraverso il mondo globalizzato. Grazie al progetto Lions - Youth Exchange un giovane ragazzo partenopeo ha la possibilità di volare dall’altra parte del mondo per conoscere la cultura asiatica ed al contempo fare volontariato in un orfanotrofio. Gli scenari che l’attenderanno saranno tanti e contrastanti, fra povertà assoluta e lusso sfrenato, respirando le atmosfere di una realtà ovattata, fatta di censura, regole e duro lavoro. Luca imparerà tanto su chi gli sta intorno e su se stesso, scoprendosi forte abbastanza da aiutare gli altri adattandosi a qualsiasi situazione. Perseveranza sarà la parola chiave della sua avventura, con la quale proverà a ricevere risposte da chi vive senza porsi scomode domande, cercando di dare un po’ di speranza a chi la vita non ha voluto darne.