copertina-una-lotta-tenace

Una lotta tenace
di Maria Cristina Iavarone Mormile

Il suo sogno, fin da bambina, era di sedere dietro una cattedra; di avere tanti volti davanti a sé nei banchi, felici di ascoltarla e ben disposti a lasciarsi guidare nella conquista del sapere e nella formazione umana. Maria Rosaria Iorio, tuttavia, presto scopre come fra i suoi ideali e la realtà in cui si trova a vivere ci sia un netto ed insanabile contrasto. È costretta a sostenere dure battaglie per godere di quei beni che aveva conquistato con la sua incessante fatica e coi sacrifici di una vita. Aveva portato a termine gli studi d...

CONTINUA A LEGGERE...

copertina-maristella

Maristella
di Maria Cristina Iavarone Mormile

Maristella è una stupenda bambina che sembra nata sotto i più fausti auspici. Per le condizioni economiche della famiglia e per la sua straordinaria bellezza è oggetto di invidia anche da parte di persone legate a lei da rapporti di parentela e amicizia. Nel fiore della giovinezza, in possesso del diploma di ceramista conseguito presso un Istituto d’Arte Statale, si crea un laboratorio in cui realizza delle creazioni artistiche che suscitano ammirazione per la perfezione della loro fattura e trovano larghi consensi in ogni mostra che la...

CONTINUA A LEGGERE...

copertina-la-schiava-padrona

La schiava padrona
di Annamaria Somma

Sara scopre un grave disturbo alimentare della figlia adolescente. Per controllarla crea un falso profilo su Facebook, ma ottiene una rivelazione ancora più grave, che riguarda una sua amica, Alessia. Anche lei usa la rete sotto falsa identità e si fa chiamare in chat "La schiava padrona". Davide è un uomo schiavo dei sensi, che si ritroverà, suo malgrado, al centro di un conflitto generazionale. Sullo sfondo una società priva di punti di riferimento e di un sistema giuridico efficiente, che non riesce ad arginare il dilagante...

CONTINUA A LEGGERE...

copertina-a-contatto-con-linnocenza

A contatto con l'innocenza
di Maria Cristina Iavarone Mormile

Dodici racconti che ripercorrono l’attività di docente e i primi passi della carriera dell’autrice. Il suo sguardo di professoressa pervasa da entusiasmo per il suo lavoro si posa su ogni singolo allievo e scende profondo nella sua anima. Osservando come essi si comportano, mette in luce una chiara verità: “Dal fango può spuntare un fiore”, se si trova il modo per bonificarlo, come da un arbusto di rose possono venir fuori solo spine quando non si applicano le dovute cure. I protagonisti dei racconti sono ragazzi che vivono i loro...

CONTINUA A LEGGERE...