logo-musica

Una forza trainante

di Antonino Ianniello

Numero 186 - Marzo 2018

Tra i più grandi performer della batteria jazz italiana inserisco con estrema convinzione il grande Enzo Zirilli


albatros-una-forza-trainante

Enzo Zirilli artista eccentrico, padrone assoluto delle percussioni e del drumming, leader sul palco pur non ostentando la sua caratteristica di vero frontman. Classe ‘75, nasce a Torino. Zirilli comincia lo studio della batteria sin dall’età di otto anni e, successivamente frequenta il corso di pianoforte presso il Conservatorio G. Verdi di Torino. Nel 1979 si iscrive al corso di percussioni del Conservatorio alessandrino (anch’esso intitolato a Giuseppe Verdi), che frequenta fino al 1981. Tuttavia, è nella batteria jazz e moderna che troverà la dimensione più consona. Inizia a suonare con gruppi d matrice funky e rhythm 'n' blues, generi che saranno di grande stimolo per l’approccio al jazz. Nel 2003 si trasferisce a Londra, pur mantenendo i contatti con l'Italia e l'Europa. Nella capitale britannica diventa, rapidamente, uno dei batteristi più richiesti nel Regno Unito, così come in Europa. Ha registrato e fatto tournée in tutto il mondo con molti artisti provenienti da Jazz, World music, Latin, Funk e Pop. Enzo Zirilli ama la sua batteria... -taglio- ama la musica al di là dei generi. Lo afferma con convinzione: “Il mio animo artistico è sempre a cavallo tra ‘Blues & Roots’ (di Mingusiana memoria) e ricerca, non convenzione, rigore, rischio e provocazione, essendomi io formato ascoltando a casa contemporaneamente John Coltrane e i Beatles, Miles, Mingus e i Genesis, i Pink Floyd e gli Yes, Jimi Hendrix, Crosby Stills Nash & Young o Simon & Garfunkel e Joao Gilberto, Jobim, Frank Zappa o James Taylor, senza chiedermi minimamente che musica suonassero, ma semplicemente godendone.” La sua strada jazzistica ha inizio, però al fianco del compianto sassofonista partenopeo Larry Nocella, figura di grande importanza per la sua formazione artistica, che gli darà la possibilità di collaborare con altri illustri solisti: Franco Cerri, Gianni Basso, Hal Stein, Benny Bailey, Flavio Boltro. Collabora da molti anni con Luigi Bonafede, con il quale suona in trio o con ospiti Tra le sue più recenti e prestigiose collaborazioni vi sono quelle con Dado Moroni ed Enrico Pierannunzi. Zirilli incide due CD per il noto sassofonista americano George Garzone, con il chitarrista Luigi Tessarolo e il superbassista salernitano Dario Deidda; con questa formazione seguono tre tour italiani. “Zirobop” è il suo primo album da solista. Colpisce immediatamente proprio la gioia che Zirilli esprime nel drumming, gioia di poter suonare ciò che ama al di là di ogni rigore tematico -taglio2- o progetto. Quello che si nasconde dietro questo album è la musica che gli piace. E con essa trova il giusto feeling, con la quale ascolta la coesione del gruppo, ovvero i musicisti scelti per questo cd: Alessandro Chiappetta e Rob Luft alle chitarre e Misha Mullov Abbado al contrabbasso. “Zirobop” appare come una sequenza di brani che ti tengono lì, incollato all’ascolto per la loro morbidezza, eleganza ed intensità. Il suo omaggio al Jazz è divertito, affettuoso e grato: si ascolta una batteria dal groove intenso, con il rullante che prevale e si toglie molte soddisfazioni, dialogando insieme alle chitarre, spesso omoritmicamente. Soli di chitarra impeccabili, arrangiamento jazzistico puro, e un bel solo di contrabbasso inarrestabile. Un jazz quasi ironicamente retrò, forte di una batteria swing in maniera iperclassica, divertente nel suo progressivo inarrestabile accelerare. Enzo Zirilli continua le sue collaborazioni nel mondo jazz, partecipando ad Umbria Jazz con il quartetto del pianista Antonio Faraò ed al JVC Newport Jazz Festival. Tra i palcoscenici più prestigiosi si inserisce il Jazz Club di Ronnie Scott, importante club jazz che opera a Londra, dal 1959 ed aperto, appunto, in un seminterrato di via Gerrard nel famoso quartiere di Soho. È presente tra i maggiori festival in tutta Europa ed ancora Malesia, Zimbabwe, India, e Guatemala.





Booking.com

Booking.com