logo-coverstory

SERENA BILANCERI

La forza di un sorriso

di Di Laura Fiore Foto Paolo Stucchi

Numero 196 - Febbraio 2019

albatros-serena-bilanceri

Una donna dal carattere travolgente, basta incrociare il suo sguardo per restare totalmente affascinati dalla sua bellezza fisica e soprattutto d’animo


Serena Bilanceri è un’attrice e scrittrice italiana; ha studiato recitazione presso la CTA, Quelli di Grock e Laura Moruzzi, a Milano, per poi proseguire la sua formazione a Roma, presso l’accademia Beatrice Bracco. Una passione incredibile quella di Serena per la recitazione, che l’ha portata a perfezionare il suo metodo partecipando a vari stage con diversi acting coach tra cui Candida Nieri e l’italo inglese Vincent Riotta. La Bilaceri ha inoltre studiato teatro-danza con Chiara Pistoia e canto con: Sabrina Manetti, Giorgia Tarenzi, Michele Fischietti. Praticamente una vita dedicata all’arte in tutte le sue sfumature. Tra i suoi lavori teatrali citiamo: “Il Minotauro” per la regia di Alessandro Garzella, “Come restare vedove senza intaccare la fedina penale” di Stella Saccà per la regia di Luca Manzi; Musical "Fantasie Italiane" di Fabrizio Fred Buccini; "Urlo" di David Fiandanese Roma; "La moglie ebrea", "La locandiera", "Medea", regia Laura Moruzzi, a Milano. Per il cinema, invece, Serena Bilanceri ha preso parte a vari cortometraggi fra i quali "The Labyrinth", per la regia di Alfonso Bergamo, vincitore di 4 Awards a Los Angeles 2011, " Anger of the dead" per la regia Francesco Picone nel 2012. Ora la ritroviamo nel film “Carta”, per la regia di Dado Martino, nel quale, per la prima volta, interpreta il ruolo di protagonista femminile. Tra mille impegni sul set, però, Serena Bilanceri è riuscita a coltivare anche la sua passione per la scrittura, in particolare per la poesia, pubblicando delle raccolte che hanno riscosso un bel successo di pubblico e critica.

Tra un mese sarà al cinema come protagonista di “Carta” film per la regia di Dado Martino, nel quale interpreta il ruolo di Giovanna, ci parli del suo personaggio...

“Giovanna è una donna sicura di se, intraprendente, piena di passione per il suo lavoro, ed estremamente tenace. Interpretarla mi ha dato molta soddisfazione anche perché ho potuto vivere vari stati d animo del personaggio. Ogni ciak poi è stato una scoperta perché il regista Dado Martino, che ringrazio ancora per avermi scelta, ha deciso di lavorare improvvisando alcuni dialoghi durante le scene. Quindi è stata una palestra, un continuo mettersi alla prova!”

Come si è preparata per interpretare questo personaggio?

“Mi sono preparata tuffandomi nel mondo dell'arte che già amo profondamente. Cercando di rivivere e di lavorare su vari momenti di vita della storia fra Giovanna e Giuseppe."-taglio-

Quanto di Serena Bilanceri c’è in Giovanna di “Carta”?

“In tutto quello che faccio c’è l' amore per il bello, la determinazione e la voglia di fare bene ciò che si ama. Quindi anche in questo progetto ho messo tutto me stessa al servizio della recitazione.”

Oltre ad essere un’attrice di successo, ha anche pubblicato una raccolta di versi dal titolo “Introspettiva” e ha dichiarato che questo lavoro l’ha aiutata a leggere con più attenzione dentro se stessa, andando al di là della pura immagine riflessa allo specchio. Cosa ha capito da questa ricerca interiore?

“Grazie per il complimento! In realtà, io mi sento ancora agli inizi, con tantissime cose ancora da imparare! Dalla mia ricerca interiore ho capito che per crescere serve la consapevolezza, e per arrivare a essere consapevoli di noi stessi il primo passo è accettare ciò che siamo, con tutti i nostri pregi e difetti. Siamo esseri unici e meravigliosi pieni di amore e di luce. Ho capito che la felicità va cercata dentro di noi, non al di fuori. Ho imparato che la prima persona a cui va dato amore è se stessi. È solo così che possiamo amare il prossimo.”

Lei da subito la sensazione di essere una persona solare e piena di energie, le è mai capitato di vivere un momento “no”? Se si, come è riuscita a rimettersi in carreggiata?

“È vero. Io amo profondamente la vita e mi piace meravigliarmi continuamente di tutto ciò che mi circonda. I momenti ‘no’ esistono e li ho vissuti, ma più che momenti ‘no’ preferisco definirli momenti in cui vieni messo alla prova, in cui sei obbligato a vedere, a guardarti, ad accettare, a reagire, e a tuffarti per cambiare. Il cambiamento può far paura, ma è solo cambiando che possiamo evolverci e maturare. Io penso che niente accade per caso, e da ogni piccola cosa che ci capita possiamo trarre insegnamento per la nostra crescita personale. Io cerco di focalizzarmi su ciò che di positivo c'è in ogni situazione che la vita mi mette difronte, sempre con il sorriso e sempre enormemente grata. Mi ritengo una persona fortunatissima.”

Ha un suo mantra?

“Sì, ho un mantra che recito spesso durante il giorno e che mi riempie di energia positiva.”

Dopo “Carta” in cosa sarà impegnata nei prossimi mesi?

“Ho alcuni progetti in ballo, ma preferisco parlarne più in là. Una cosa è certa: sicuramente mi vedrete tra tv, teatro e cinema.”

ads-publicità


Booking.com

Booking.com