logo-editoriali

LESLEY NNEKA ARIMAH

di Maresa Galli

Numero 207 - Febbraio 2020

Pluriupremiata, Lesley Nneka Arimah è il nuovo talento letterario che ha conquistato pubblico e critica con il suo primo libro di narrativa, “Quando un uomo cade dal cielo”, del 2019, tradotto e pubblicato in numerosi paesi


albatros-lesley-nneka-arimah

Classe 1983, nata a Londra da una famiglia di origini nigeriane, vive tra Nigeria e altri paesi africani fino a trasferirsi, bambina, in Louisiana (USA). Oggi vive a Minneapolis. La madre era pastore della Chiesa Evangelica e il padre ingegnere petrolifero. Consegue la laurea all’Università del Minnesota, frequentando corsi di scrittura creativa, sua grande passione. -taglio- I suoi racconti sono pubblicati dal “New Yorker”, “Harper’s” e “Granta”. La popolarità le arride già con il suo primo volume, “Quando un uomo cade dal cielo”, premiato con il “Kirkus Prize”, il “New York Public Library’s Young Lions Award”, il “Commonwealth Short Story Prize” per l’Africa, il “National Magazine Award for Fiction” e il premio “The Bridge”, istituito a Roma dall’Ambasciata degli Stati Uniti d’America e dalla Casa delle Letterature. Si tratta di una raccolta di dodici racconti, storie di donne molto diverse tra loro, spesso vittime della società ma mai totalmente innocenti, narrate con delicatezza. Oggi il panorama della letteratura afroamericana si arricchisce di una nuova, significativa voce. Lesley narra storie che raccontano la Nigeria e Minneapolis, parlano di immigrazione, della difficoltà di inserirsi in nuovi contesti, di complessi legami familiari, di solitudine e depressione. I suoi racconti esprimono sentimenti e situazioni in maniera insieme realistica e fantastica, con grande intensità, e le protagoniste sono donne combattive, mogli che scappano, padri affettuosi ma incapaci di esprimere i sentimenti, fratelli e sorelle, madri e figlie con i loro difficili rapporti. -taglio2- Nella sua narrativa vi sono anche elementi soprannaturali come fantasmi di guerra ed altri elementi magici. In poche pagine sa costruire il ritratto di un’intera famiglia. Nel volume non ci sono solo elementi autobiografici ma anche soprannaturali e risvolti inaspettati. Il racconto “Chi sarà ad accoglierti a casa”, ad esempio, colloca la storia in un mondo onirico, irreale, nel quale le donne, per avere una figlia, devono crearla da sole con i materiali che hanno a disposizione. E “Quando un uomo cade dal cielo”, il racconto che dà il titolo al libro, ambientato in un mondo del futuro, parla di matematici capaci di assorbire il dolore altrui fino a farlo cessare. Ma le emozioni possono sempre riesplodere, e, dunque, i finali sono sempre aperti. Un effetto spiazzante, inatteso, che evoca tante emozioni contrastanti, con una scrittura che mette a nudo le fragilità umane, analizza i complicati e ambivalenti rapporti genitori-figli, le im-possibili soluzioni del fantastico. La scrittura di Arimah è potente, originale e tocca nel profondo. Forte del successo, la scrittrice sta lavorando al suo primo romanzo, “The Children of Bones”, che, di certo, non deluderà i numerosi lettori che attendono di essere stupiti.





Booking.com

Booking.com