logo-musica

Grinta e determinazione

di Antonino Ianniello

Numero 233 - Settembre 2022

Alla scoperta del mondo di Fredy Malfi, batterista dall’animo marcatamente napoletano e tra i drummer partenopei più richiesti


albatros-grinta-e-determinazione

Ottimo ed affidabile session man, Fredy Malfi è un batterista sicuramente multiforme ma di certo un musicista dal drumming fluente. Le sue collaborazioni possono fornire, in maniera chiara, qual è il suo spessore. Il batterista, che reclama -per tratti somatici- anche vicinanze con il popolo dei nativi americani, -taglio- ha collaborato con i Napoli Centrale di James Senese suonando in ‘Hey James’ del 1991; ‘Jesceallah’ del 1992; ‘Paisà’ del 2007; ‘È fernut ‘o tiempo’ del 2012; ‘‘O sanghe’ del 2016 ed infine in ‘James is Back’ del 2020. Con il grande Richie Havens nel lavoro ‘Napoliopera’ del 1984, con Daniele Sepe (altro immenso sassofonista dell’area vesuviana) nei lavori ‘Malamusica’ (1989); ‘Vite perdute’ (1993); ‘Spiritus mundi’ (1995); ‘Viaggi fuori dai paraggi’ (1996) e ‘Lavorare stanca’ registrato nel 1998. Altre collaborazioni di rilievo, poi, con il brasiliano Toquinho, Peppe Barra, Nico Di Battista, Gianni Guarracino, Fabrizio Fedele, Nello Daniele, con i Triodi e poi con gli Alias. Il drummer, dopo aver frequentato diversi gruppi, con i quali è stato in svariati posti del mondo, si iscrive al Liceo Musicale ‘Marciano’ di Napoli, dove (seguito da Valter Scotti), vi resta per cinque anni. La passione per la musica è grande ma contemporaneamente c’è quella dell’insegnamento e quindi, invogliato dallo stesso Valter Scotti, inizia a dare lezioni. Nel novantotto pubblica il suo primo libro di didattica ‘Programma di batteria’ edito da ‘Sinfonica Jazz’ e distribuito dalla ‘Nuova Carisch’. Nel 2001 esce il video didattico ‘Consigli per batteristi’, prodotto da Davide Loveri e sempre distribuito dalla ‘Nuova Carisch’. Il batterista napoletano, oramai punto fermo nella formazione guidata da James Senese e vero animale da palcoscenico per la sua grinta e determinazione, cavalca i vari generi musicali con estrema facilità: dal jazz al rock (che è la sua matrice originaria). Qual è la tua concezione di jazz e di jazz-rock? «Devo precisare che la mia vera matrice originaria non è assolutamente il jazz ma il rock. Mi definisco un rocchettaro che poi si è prestato al jazz ed al jazz-rock. Per quello che concerne Il jazz devo dire che questo tipo di musica non rappresenta altro che l’espressione del corpo… oltre ad essere una sorta di attrazione fatale o amore che devi avere al tuo interno. -taglio2-È una passione che il musicista ha, un’enorme attrazione che va curata e continuamente studiata.» Qual è il batterista che ti ha ispirato di più? «Personalmente e non per presunzione, non ho mai avuto un batterista che possa definire ‘di riferimento’. Ci sono stati e vi sono tanti batteristi e tra questi, forse, il mio preferito è stato Vinnie Colaiuta. Sto parlando di un artista che trovo completo … un batterista a trecentosessanta gradi, un musicista che ha suonato sia jazz che latin, passando per il pop … è uno che ha suonato anche ‘metal’. Più completo di così?» Cosa ne pensi delle band jazz emergenti… quanto c’è di veramente buono? «La contaminazione musicale è oramai diventata quella cosa che rende negativo il momento. Troppa contaminazione, ripeto, che è arrivata dappertutto. Di conseguenza non vi è un genere puro. Il jazz, normalmente, si evidenzia e si distingue con quella che è l’armonia. Noi possiamo, ad esempio suonare, un classico napoletano in swing … ma questo non vuol dire che si tratti dijazz. Se invece, a questo brano, gli diamo un arrangiamento armonico jazzistico … beh è lì vedremo la differenza. Per quanto riguarda i nuovi gruppi, che definiamo emergenti, devo dire chequesti ragazzi fanno una grossa ricerca musicale. Alcuni di essi risultano piacevoli da ascoltare mentre altri diventano difficili da ascoltare sino a confondere chi ne fruisce. Uso la definizione di musica ‘pesante’ … perché in molti casi si imboccano vie tortuose e così facendo si ottiene un qualcosa di confusionario: non si sa se stanno suonando jazz oppure prog. Vi sono, tuttavia, diverse band jazz che fanno quel che devono in maniera superlativa ed originale ed altre che propongono un repertorio fatto di cover di Miles Davis, John Coltrane, Charlie Parker e Gillespie. Questi gli effetti di quella contaminazione che sta caratterizzando questo momento.»





Booking.com

Booking.com
Comments starting with '#' are deprecated in /php5.6/etc/php.ini on line 196
The error has been logged in /anchor/errors.log
Uncaught Exception

Uncaught Exception

Comments starting with '#' are deprecated in /php5.6/etc/php.ini on line 196

Origin

on line 0

Trace

#0 [internal function]: System\Error::shutdown()
#1 {main}