logo-coverstory

Emma Marrone e Alessandra Amoroso

Solo cose belle

di Luigi Miliucci

Numero 217 - Febbraio 2021

albatros-emma-marrone-e-alessandra-amoroso

Le ragazze magiche della musica italiane arrivano con un singolo che è destinato a conquistare le classifiche. E che vuole anche essere un messaggio di fiducia per il nuovo anno appena iniziato


Sono tra le artiste più amate del panorama musicale italiano come dimostrano i più di 8 milioni di followers sommando i loro due profili Instagram. Emma Marrone e Alessandra Amoroso, entrambe lanciate dal talent-show “Amici di Maria De Filippi”, raccontano ad Albatros il loro primo singolo insieme intitolato “Pezzo di cuore”,-taglio- le emozioni di questi anni e come hanno vissuto questi ultimi mesi, fatti di speranza e forza di continuare a credere in un futuro migliore per tutti. Iniziamo dal singolo, come nasce questo brano? Emma: “Era da un po’ che sentivo il desiderio di incidere un brano con Alessandra: quale occasione migliore per cominciare il 2021 nel segno dell’ottimismo e dell’entusiasmo. Ho chiamato Dardust raccontandogli tutti i miei pensieri: volevo qualcosa di forte, una ballad senza tempo. Lui ha tradotto in parole e musica tutto questo, insieme a Davide Petrella. A canzone quasi finita, l’ho inviata ad Alessandra dicendole: ‘È la nostra canzone: non puoi dirmi di no’!” Alessandra Amoroso: “L’ho considerato subito un onore e non potevo rispondere che con un sì. Quando ho ascoltato il brano ho pensato a un dialogo tra me e lei e così è stato anche quando siamo andate a registrare il brano.” Avete qualche ricordo in particolare del giorno in cui lo avete inciso? Emma: “Ricordo tanta emozione da parte di entrambe. Anche il fatto di tenere segreto questo progetto ha creato un’aurea intorno a questa canzone molto profonda. Davanti al microfono ci siamo messe a nudo con tutte le nostre fragilità e défaillance. D’altronde io e Alessandra non dobbiamo nasconderci dietro ad una finta armatura, ci conosciamo troppo bene.” Alessandra Amoroso: “Avevo il cuore a mille. Desideravo da tempo condividere una canzone con un’amica. Emma è arrivata con questo brano nel momento giusto della mia vita.” Quanto c’è di autobiografico in “Pezzo di cuore”? Emma: “Lo considero un brano universale. Tutti ci poniamo domande sull’amore, il sentimento che fa muovere il mondo. Siamo due donne che hanno imparato ad amare sé stesse e quindi, automaticamente, abbiamo imparato ad amare e rispettare tutte le persone intorno a noi. Facciamo un lavoro che spesso ci mette davanti allo sguardo attento degli altri. Io ho rischiato di vacillare e questo mi ha portata ad essere troppo autocritica dandomi anche delle colpe che non avevo. A 36 anni ho fatto pace con questa cosa e mi voglio più bene: forse questo ha portato gli altri ad avvicinarsi a me in maniera diversa.” Alessandra Amoroso: “Nel 2020 abbiamo imparato molto a stare da soli e a guardarci dentro: nel momento in cui ti guardi allo specchio fai necessariamente i conti con la persona riflessa. Una parte importante in questa presa di coscienza è proprio l’amor proprio. Ritrovare quel sano egoismo che ci permette di metterci al primo posto.” Credete nella solidarietà femminile? Emma: “Non ci credo molto, così come quella tra uomini. Credo che dipenda tutto da quanto una persona sia risolta dentro, quando sa bene chi è e quanto vale. Noi siamo un piccolo esempio che le cose belle possono accadere”. Alessandra Amoroso: “Penso che le donne insieme abbiano una potenza molto grande. Noi ci siamo volute bene sin da subito, siamo cresciute con gli stessi valori e principi. Speriamo di essere portavoci di condivisione femminile.” C’è un brano che “rubereste” dal repertorio dell’altra? Emma: “Amo molte canzoni di Alessandra ma in “Stupida” o “Immobile” credo sia venuta fuori tutta la sua bravura.” Alessandra Amoroso: “Duettare con lei è sempre emozionante. In alcune ospitate ho avuto la fortuna di cantare una canzone di Emma che ci ha legate molto: “Sarò libera.” E un pregio? Emma: “Una sua caratteristica che mi piacerebbe recepire per osmosi è la sua sana leggerezza, che a me volte manca.” Alessandra Amoroso: “Anche se non sembra, apprezzo il suo essere molto pacata e riflessiva.” Nel 2012 a Sanremo, nella sera dei duetti, Alessandra ha condiviso il palco con Emma in gara con “Non è l’inferno”: cosa ricordate di quell’esperienza? Emma: “Non dimenticherò mai quel Sanremo. Quando l’ho vista scendere le scale ho pensato: “Mi posso fidare”. Era una cosa importante per me, è un palco per cui ho da sempre rispetto e ammirazione.” Alessandra Amoroso: “Avevo una paura tremenda: le gambe tremavano. Appena l’ho vista negli occhi mi sono come tranquillizzata.” C’è la possibilità di vedervi a Sanremo 2021 come ospiti? Emma: “Io e Ale non ci siamo mai tirate indietro a delle richieste, accogliendo tutto sempre con grande amore. Facciamo questo lavoro con grande rispetto. Siamo ben contente di esserci nel caso in cui ci invitassero” Alessandra Amoroso: “Non abbiamo ricevuto nessun invito per Sanremo… vi faremo sapere (ride, ndr)” Se ci fossero state le condizioni avreste portato “Pezzo di cuore” in gara? Emma: “Si, a Sanremo ci sono andata in tante vesti e non avrei avuto nessun problema a mettermi in gioco. Tuttavia ‘Pezzo di cuore’ è nato così, cotto e mangiato, in gran segreto: nemmeno le nostre case discografiche sapevano che stavamo registrando. Quando il brano era pronto, erano già usciti i nomi in gara a Sanremo.” Alessandra Amoroso: “Si, perché no, avremmo partecipato tranquillamente a Sanremo se ci fossero stati i tempi giusti. Sarebbe stata una cosa nuova e bella. Continua ad essere un palco molto importante per la musica italiana. Ma il progetto è nato differentemente…” Dopo “Pezzo di cuore” continuerete la vostra collaborazione? Emma: “Desidero chiudere il capitolo dei festeggiamenti per i 10 anni, che dovevano cadere nel 2020, in piena pandemia: non posso lasciare il progetto a metà. Io proverò a portare avanti un tour adeguandomi a tutto quello che verrà richiesto in termini di sicurezza: Alessandra sarà ospite ovunque lei riterrà opportuno. “Pezzo di cuore”, d’altronde, è nata per essere cantata dal vivo”. Alessandra Amoroso: “Tendenzialmente questa ripartenza ha bisogno di passi ponderati. Pensiamo a quello che stiamo facendo oggi: se mai dovesse accadere un disco o un tour insieme sarebbe bellissimo. Oltre ad essere colleghe siamo due amiche.” Mai in questo caso la domanda è d’obbligo: e con l’amore come va? Emma e Alessandra Amoroso: “Abbiamo imparato l’amore per noi stesse… oltre al fatto che ci vogliamo tanto bene”.

ads-publicità


Booking.com

Booking.com