logo-Cultura

Connessione artistica

di Massimiliano Craus

Numero 198 - Aprile 2019

Questa primavera ritorna “Pierrot Danza”, festival che andrà in scena a Roma e che porterà con sé tantissime novità


albatros-connessione-artistica

La XIII edizione di "Pierrot Danza" 2019, diretto da Alessandra Micarelli, andrà in scena i prossimi 13 e 14 aprile 2019 Teatro Orione di Roma, in via Tortona 7, con il Patrocinio del Comune di Roma. Siamo quasi giunti al terzo lustro ma già si contano i successi del passato e quelli in previsione. A cominciare da quelli di questa tredicesima edizione che non potrà che portare ancora più fortuna ai suoi giovani talenti. La grande novità introdotta quest'anno riguarda tuttavia l'inserimento della sezione Videodanza aperta ad autori, danzatori, coreografi, registi e video-maker che dovranno proporre video originali che abbiano per soggetto la danza con una forte connessione tra drammaturgia e linguaggi audiovisivi per promuovere la sperimentazione, la ricerca e l'utilizzo di nuove tecnologie. I due linguaggi della danza e del video potranno così essere considerati come due colori differenti che si mescolano fino a crearne uno nuovo. I video finalisti verranno proiettati in teatro durante lo spettacolo di Gala di domenica 14 aprile. -taglio-Ma chi sono i protagonisti quest'anno? I componenti di Giuria della XIII edizione sono Gloria Bandinelli (Accademia Nazionale di Roma e Teatro Alla Scala di Milano), Dasa Grgic (Teatro Stabile Sloveno di Trieste, Atelier de Paris di Carolyn Carlson e Nikolais Tecnique Teacher Certificate Program), Elena Viti (Accademia Nazionale di Danza di Roma ed Università degli Studi di Roma "La Sapienza"), Francesca Corazzo (Accademia Nazionale di Danza di Roma), Ricky Bonavita (Accademia Nazionale di Danza di Roma e direttore artistico di "Excursus"), Gemma Iuliano (regista) e Massimiliano Zaganelli (videomaker) impegnati nella nuovissima sezione di video-danza. Nomi e cognomi che confermano il trend in crescita della professionalità ormai conseguita dalla direttrice artistica Alessandra Micarelli. Basti pensare ai vari Anthony Basile (Darvash School di New York, Connecticut Ballet, Ballet di Santiago), Christiane Marchant (Ballet Rayla des Flandes), Rossana Luongo (Accademia Nazionale di Danza di Roma e direttrice artistica de "Il Cerchio e il Centro"), Pietro Gorgone (AND di Roma), Giacomo Molinari (Alvin Ailey American Dance Centrer di New York, AID e MAC di Roma), Fabrizio Laurentaci (Teatro dell'Opera di Roma ed AND di Roma), Michele Pogliani (Lucinda Child Dance Company), Marit Bech (CID - UNESCO e membro della "International Vaganova Method Society"), Valerio Longo (Aterballetto e Teatro Massimo di Palermo). Anche per questo il "Pierrot Danza" 2019 godrà ancora dei patrocini dell'Assessorato alla Crescita Culturale del Comune di Roma con il supporto tecnico di AICS Roma, Mikelart, Danza&Co, La -taglio2-Dance Emotions, LikeG. e con la presenza del fotografo di danza Pierluigi Abbondanza cosicché Pierrot lunaire possa essere sempre più generoso con i tanti talenti provenienti da ogni dove nella due-giorni del capitolino Teatro Orione. Ed anche per questo ci piace ricordare il perché di Pierrot associato a Tersicore, la musa ispiratrice della direttrice artistica Alessandra Micarelli che ci spiega come “l'idea del Pierrot é una figura romantica che mi è sempre piaciuta, così come il suo irraggiungibile amore. Sulla figura della luna ho creato il logo dell'evento, dove la sagoma di una ballerina ne segue le linee. La sigla di apertura del concorso viene ogni anno danzata da giovani ballerini esterni al concorso, o compagnie di danza ospiti, a cui chiedo loro di dedicare la coreografia al Pierrot Lunaire, oppure un solista mimo/danzatore vestito da Pierrot, con la stessa musica ogni anno. Il colore del Concorso è il blu, come le notti di luna.” Concorso che nell'ambito del festival ha le sue peculiarità: le tecniche di modern spaziano da Graham a Childs per passare attraverso il repertorio di Limon, Cunningham, Laban, Nikolais, Ailey, Tharp, Brown oltre che nell'ambito del jazz, jazz-lyrical, techno ed altre sfaccettature ancora a scelta dei giovani talenti. Le tecniche di contemporaneo invece si rifanno al repertorio del Tanztheater, Release tecnique, Contact improvvisation, Danza fisica e di ricerca. Per maggiori info visitare il sito della manifestazione www.concorsopierrotdanza.com o scrivere direttamente all'indirizzo di posta elettronica info@concorsopierrotdanza.com





Booking.com

Booking.com