Street Art

di Gennaro Santarpia

Albatros 182 - Novembre 2017

Il nuovo fenomeno della Street Art italiana ed internazionale, continua ad incantare attraverso i ritratti di personaggi celebri dipinti tra le mura della città di Napoli


La Street Art è un fenomeno che accompagna le generazioni da secoli, ma nel 2000 ha visto una metamorfosi significativa: dai graffiti si è passati al diffondere un qualsiasi concetto d’arte in un luogo urbano. Tanti sono gli artisti, fotografi, poeti che nel corso del tempo hanno abbracciato questo nuovo mezzo di comunicazione, ottenendo così un eco incredibile. Negli ultimi anni abbiamo assistito all’ascesa di quello che è diventato uno dei maggior artisti, specializzati in Street Art, italiani: Jorit Agoch. Nato da padre italiano e madre olandese, Jorit vive ed elabora la sua arte principalmente nella città di Napoli, dove ha frequentato l’Accademia Di Belle Arti dalla quale è uscito a pieni voti e con lode.-taglio- La sua passione per l’arte, però, risale a quando era appena un tredicenne, e armato di bombolette spray disegnava sui muri della sua città. Jorit Agoch è conosciuto sia in Italia che all’estero, e partecipa assiduamente a numerosi progetti di Street Art, volta anche all’impegno sociale. In Italia, è diventato noto per i suoi bellissimi maxi-ritratti di personaggi celebri realizzati, in particolar modo, sulle facciate degli edifici con la volontà di regalare una nuova vita ad aree periferiche e decisamente abbandonate. La sua opera ha avuto subito un enorme successo, sia tra gli addetti ai lavori sia tra il pubblico, e nel 2011 Agoch ha avuto la possibilità di vedere tutte le sue creazioni esposte al museo MANN di Napoli. Successivamente, gli verrà dedicato un ampio spazio anche al museo MAGMA di Roccamonfina, al PAN di Napoli e al MACRO di Roma. Il talento di Jorit Agoch è indiscutibile, fin dalla prima apparizione delle sue opere, non c’è stato alcun dubbio sulla grande maestria di questo ragazzo italo-olandese. Agoch, per il momento, ha deciso di farsi conoscere solo attraverso la sua arte, di lui sappiamo che ha vissuto in Africa, Australia, Cuba ed alcuni paesi arabi dove si è lasciato influenzare dalla cultura e dalla tradizione locale riportandola successivamente nella sua arte. Inoltre, è ancora ignoto il-taglio2- volto del giovane artista italiano il cui cognome è uno pseudonimo. Al mondo dell’arte, però, non sembra interessare questo dettaglio poiché i suoi ritratti sono talmente ipnotici e perfetti da esprimere tutta la passione che mette nelle sue opere. L’unicità di Jorit Agoch è dovuta, anche, alla grande maestria che possiede nell’utilizzare diverse tecniche dell’acrilico e dell’olio che usa nei dipinti su tela che realizza in contemporanea alle opere in strada. Sembra, che questo particolare modo di raffigurare i volti provenga dalla sua esperienza africana, che ha lasciato in lui un segno profondo e tangibile: i volti umani, i soggetti più coinvolgenti per Agoch, vengono marchiati con due strisce rosse sulle guance. Queste, infatti, rimandano a rituali magici/curativi africani; in particolare alla procedura della scarnificazione, rito iniziatico del passaggio dall’infanzia all’età adulta legato al momento simbolico dell’entrata dell’individuo nella tribù. Essendo un artista della nuova generazione, è possibile ammirare le opere di Agoch anche tramite il web, queste, infatti, stanno facendo il giro del mondo tra Africa, Stati Uniti e Giappone. Se vi trovate, però, a Napoli camminando tra le strade del centro storico e non, alzate lo sguardo e prendetevi un secondo in più, per apprezzare la maestosità dei ritratti di Jorit Agoch.





Booking.com

Booking.com