Peace and Love

di Gennaro Santarpia

Albatros 182 - Novembre 2017

Attraverso la sua voce, in questo nuovo album, Luca Gemma intona un vero e proprio inno alla vita e racconta il suo desiderio di vivere in un mondo migliore


Luca Gemma è un artista a tutto tondo: cantante, autore e musicista; negli anni ’90 inizia la sua carriera nel mondo della musica con i Rossomaltese: band folk-rock molto originale e conosciuta soprattutto nel circuito indipendente. Come autore, invece, abbiamo avuto la possibilità di ascoltare i suoi testi cantati da grandi artisti come: Fiorella Mannoia, Malika Ayane e molti altri. Nel 2004 Luca Gemma intraprende la strada da solista, pubblicando l’album “Saluti da Venus”, disco cui seguiranno “Tecniche di illuminazione” (2007), “Folkadelic” (2010) e “Supernaturale” (2012). Oggi lo ritroviamo alle prese con un nuovo lavoro discografico dal titolo “La felicità di tutti”, progetto in cui si esprime tutta la particolarità di Luca Gemma: sonorità caratterizzate da un mix di generi che spaziano dal folk, passando per il rock, fino ad arrivare al soul e R&b.-taglio-

Partiamo subito dal suo ultimo lavoro discografico “La felicità di tutti”, come mai ha scelto questo titolo?

“Ho scelto questo titolo solo una volta terminata la registrazione dell’album, il titolo della prima traccia mi sembrava perfetto! Il significato è un desiderio, un’utopia ingenua, che la felicità appartenga a più persone. In giro c’è tanta cattiveria, egoismo, concentrazione solo su stessi e sui propri desideri quando, invece, è necessario ritornare a guardarsi in faccia e capire cosa desiderano gli altri e cosa può renderli felice.”

Cosa o chi rappresenta per lei la felicità?

“La felicità è costituita da attimi che vanno riconosciuti e presi al volo, non è uno stato d’animo perenne o che si può immaginare. Una volta raggiunta, non sta lì per sempre: è questione di momenti che derivano dall’affetto, dall’amore, dalle emozioni. L’importante è essere disposti a riconoscerli poiché il tempo passa e ci si ritrova con un pugno di mosche in mano.”

Quale è stato il lavoro fatto dietro alla produzione di quest’album?

“C’è stato un lungo lavoro di scrittura, durante il quale ho iniziato a creare i brani nel mio ufficio. È stato subito dopo l’uscita dell’ultimo disco, ‘The Song’, primo album in inglese, questa volta volevo scrivere in italiano. Dopodiché, in generale, mi consulto molto con il mio produttore artistico Paolo De Felice cui ho fatto sentire lo stato dell’arte, con lui ho deciso i tempi di produzione. Poi, ho mostrato i brani alla band, parte fondamentale perché suonando ognuno lascia una prima impronta. Alla fine ci sono state le varie rifiniture e accorgimenti vari.”

L’album contiene 9 inediti scritti da lei, cosa ispira la sua-taglio2- musica e quando capisce che un brano è pronto?

“È una sensazione dettata dal tempo e dall’esperienza. All’inizio hai quella scintilla che ti porta a scrivere il testo, poi bisogna ascoltarlo, migliorarlo, aggiungere o togliere dei pezzi. Devo ammettere di essere avvantaggiato, perché fidandomi molto del mio produttore, so che il suo parere è onesto. Inoltre, Paolo ha una grande esperienza e mi aiuta nella rifinitura, nelle sfumature e nella maturazione completa del brano.”

Lei scrive anche brani per altri colleghi, l’è mai capitato di aver voluto cantare personalmente una delle canzoni scritte per qualcun altro?

“Direi di no. Mi viene chiesto espressamente di scrivere per altri cantanti, quindi c’è l’idea di andare incontro ad altri mondi, diversi dal mio, con altre sfumature.”

In che cosa è cambiato maggiormente Luca Gemma dal giorno dell’esordio a oggi?

“Nell’arco di 24 anni, dopo l’album con i Rossomaltese e quello solista, i cambiamenti sono repentini perché cambia il mondo intorno a noi. Dalle registrazioni analogiche in studio ora si passa allo streaming tramite internet. È una maturazione che a me piace, sono cambiato in tante cose, ho studiato tanto, e vedo nascere e crescere sempre nuovi stimoli.”

Cosa bolle pentola per il prossimo futuro di Luca Gemma?

“In questo momento sono concentrato sulla promozione dell’album e sui live, che partiranno in Francia e poi a Milano. Inoltre, si sta delineando pian piano il prossimo tour, spero di riuscire a portare la mia musica di nuovo in Australia dove hanno molto apprezzato il disco precedente in inglese.”





Booking.com

Booking.com