ELODIE

Guardarsi dentro

di Tommaso Martinelli

Numero 183 - Dicembre 2017


Ne ha fatta di strada dalla sua prima apparizione pubblica nel programma di Maria De Filippi. Elodie, adesso, è cresciuta e pronta a far conoscere un altro lato di sé attraverso la musica


Con la sua chioma rosa e la sua voce black, è riuscita in pochi mesi ad affermarsi come una delle cantanti più seguite e apprezzate del panorama musicale italiano. Attualmente, però, Elodie sta raccogliendo altrettante soddisfazioni pure sul grande schermo visto che “Semplice”, il suo ultimo singolo, è stato scelto dal regista Federico Moccia come brano portante della colonna sonora del film “Non c'è campo”, dove la cantautrice salentina ha anche debuttato come attrice.

Elodie, sei tornata sul mercato discografico con un nuovo singolo intitolato “Semplice”...

“Si! È una canzone che parla di amore, come quasi sempre accade nelle mie canzoni, l’amore è il mio argomento preferito. Il brano parla di una relazione che dal mio punto di vista è semplice, perché quando c’è amore dovrebbe essere immediato il fatto che dall’altra parte ci sia lo stesso modo di sentire le cose, invece spesso, capita che non sia così. E per questo, nel brano mi chiedo come faccia l’altra persona a non capire che in realtà è tutto così semplice. A volte, però, ci sono complicazioni, retaggi, relazioni passate che danneggiano quelle presenti ed è quindi difficile incontrarsi.”

“Semplice” è anche il brano portante del nuovo film di Federico Moccia…

“Questo pezzo non l’ho scritto io, ci tengo a dirlo. Lo hanno scritto Federica Abbate e Andrea Amati, che ringrazio sempre tantissimo. Il film non era previsto, è stata un’esperienza nuova per me, che ho cercato di vivere con semplicità, non per fare un gioco di parole con il titolo della canzone, ma davvero ho cercato di viverla con più naturalezza possibile facendo quello che faccio sempre.”

Oltre al brano, hai interpretato te stessa in “Non c’è campo”, un film che parla di quanto sia diventato indispensabile comunicare attraverso internet. Tu che rapporto hai con i social-network?

“Sicuramente li uso molto per lavorare. I social, secondo me, sono utili ma ho dovuto imparare ad utilizzarli, perché fino a qualche anno fa li usavo molto meno. A me piace molto di più il rapporto diretto con le persone, ho bisogno di guardarle negli occhi per capire se per esempio sono ironiche, oppure per cogliere tutte le loro sfumature, che per me sono molto importanti. Tutto questo, a volte, attraverso i social, non è possibile e addirittura non si capisce quali siano le intenzioni reali dei nostri interlocutori. Questo è l’unico aspetto che non amo dei social, però sto imparando ad usarli nel modo più corretto.” -taglio- Sui social-network ti seguono centinaia di migliaia di persone. Di solito rispondi personalmente ai tuoi fan?

“Mi piace tanto coltivare il rapporto con i fan. Uso i social per conoscerli meglio, anche se molti di loro li conosco già di persona e cerco sempre di creare una ‘relazione’ e di renderla duratura nel tempo.”

Di’ la verità: rispondi sia ai commenti positivi che a quelli negativi?

“Sì, mi piace rispondere anche ai commenti negativi, ma ovviamente lo faccio sempre con ironia, visto che non prendo sul serio né i commenti né le persone che li scrivono. Spesso dietro questi “leoni da chat” si nascondono persone che hanno delle problematiche, ed io, cerco sempre di sdrammatizzare.”

Nel film quasi tutti i protagonisti, sul fronte sentimentale, appaiono confusi e tormentati. Secondo te l’amore va vissuto davvero così?

“No, direi di no. È giusto vivere intensamente quei momenti in cui c’è lucidità, nei quali ci accorgiamo di cosa realmente vogliamo. E questo vale anche per la vita in generale.”

Ti piacerebbe continuare a lavorare nel mondo del cinema, magari come attrice?

“Chissà. La vita è divertente perché spesso ti mette di fronte a delle situazioni inaspettate. Per il momento il mio mestiere è fare la cantante, ma poi, chissà, più in là potrebbero capitare nuove esperienze nel mondo della recitazione e sarebbe interessante.”

Quando ti sei accorta che cantare sarebbe stata la tua strada?

“All’età di undici anni mi sono accorta che cantare era una passione forte, talmente devastante che mi sarebbe piaciuto esprimermi, dire la mia, tramite la musica. Ancora oggi sono convinta che la musica sia il mezzo più forte che esista.”

Curi molto la tua voce?

“Per poter preservare la mia voce, ho smesso di fumare. Di solito, durante la giornata, non canto e non ho dei riti o dei riscaldamenti particolari da eseguire, anche se si dovrebbero fare. Sono sincera, il mio problema è che sono un po’ pigra. Sto combattendo con questa cosa, specialmente in questo periodo: sto cercando di capire come fare per poter essere sempre diligente in tutte le situazioni che mi si presentano.”

Come vanno le cose sul fronte sentimentale?

“L’amore va bene. Ci sono delle discussioni, incomprensioni, ma sono già un po’ di anni che io e lui (Lele, cantante conosciuto due anni fa ad Amici di Maria De Filippi, ndr) stiamo insieme e quindi il nostro rapporto comincia ad avere un senso più maturo.”

Il fatto che il tuo fidanzato faccia il tuo stesso lavoro è un valore aggiunto? A casa vi capita di parlare di lavoro?

“Dipende dalle situazioni. Comunque si tratta di un valore aggiunto, tra di noi c’è sempre un sano confronto. Certo, a volte, quando le cose non vanno per il verso giusto, è normale che non voglia sentir parlare di lavoro a casa.”

Un duetto con Lele è nei tuoi progetti?

“Non credo. Non è uno dei miei desideri, facciamo già tanto altro insieme, la musica la teniamo ognuno per sé. Magari a casa sì (ride, ndr).”

Ti piacerebbe tornare sul palco dell’Ariston?

“Sanremo è sempre bello. Sulla partecipazione a questa importante kermesse musicale c’è sempre un grandissimo punto interrogativo. È un’esperienza che mi ha lasciato delle vibrazioni bellissime, di conseguenza in un prossimo futuro sarebbe molto bello tornarci.”

Quali sono i tuoi progetti futuri?

“Sto lavorando a brani nuovi e contemporaneamente sto facendo una ricerca su me stessa. Sto cercando di tirare fuori qualcosa di nuovo. Ritengo che ogni volta bisognerebbe donare qualcosa di più e questo per me sarà un anno importante, durante il quale cercherò di dar il massimo.”

“Sto cercando di capire come fare per poter essere sempre diligente in tutte le situazioni che mi si presentano”


Booking.com

Booking.com