Contro ogni violenza

di Paolo Carotenuto

“Mai più”, l’opera contro la violenza su donne e bambini, presentata con successo durante il convegno di formazione a cura del Rotary Club Nocera Inferiore Apudmontem, dell'Ordine dei Giornalisti e dell'Ordine degli Avvocati di Nocera Inferiore


È stato l'Auditorium della città di Pagani ad ospitare il Convegno di Formazione, “Contro la violenza su donne e bambini, quale informazione, quale prevenzione.”, organizzato dal Rotary Club Nocera Inferiore Apudmontem, presidente Lucia de Cristofaro, moderatrice del Convegno, dall'Ordine dei Giornalisti Campania, presidente Dr. Ottavio Lucarelli, relatore, dall'Associazione Giornalisti Valle dell'Agro, presidente Dr. Salvatore Campitiello, relatore, dall'Ordine degli Avvocati di Nocera Inferiore, presidente Avv. Aniello Cosimato, relatore. Il Convegno patrocinato dall'Amministrazione Comunale della città di Pagani, ha registrato una presenza significativa non solo di giornalisti, avvocati e rotariani, ma anche di numerosi studenti per confrontarsi su un argomento purtroppo sempre attuale. A salutare gli intervenuti il Sindaco di Pagani, dott. Salvatore Bottone: “Ospitare un momento di informazione e di approfondimento per non spegnere i riflettori su un argomento tristemente noto ad ognuno di noi, è per noi motivo ulteriore di un impegno verso chi ha bisogno di essere sostenuto ed aiutato.”, seguito dal formatore del Rotary Club Nocera Inferiore Apudmontem, Alfredo Salucci, che ha letto le lettere di saluti e di plauso agli organizzatori da parte del Governatore del Rotary Distretto 2100, -taglio- prof. Gaetano de Donato, e del Presidente della Rotary Foundation, Avv. Guido Parlato. Non hanno fatto mancare poi il loro saluto i presidenti, di alcuni degli undici club partecipanti al progetto rotariano “Rotary for women and children”, Raffaele Aruta (R.C. Castellammare di Stabia), Carla Aramo (R.C. Scafati Angri Real Valle), Antonio Fogliame (R.C. Pompei), Angelandrea Casale (per il presidente Massimo Autieri R.C. - Pompei Villa dei Misteri), Marina Cipriani (per il presidente Vincenzo Patella R.C. Paestum Centenario), i quali hanno dichiarato quanto il progetto promosso dal R. C. Nocera Inferiore Apudmontem, abbia un grande impatto sociale su tutti i territori dei club aderenti, considerata la missione dello stesso, ovvero sostenere case famiglia che nella quotidianità offrono accoglienza a donne e bambini. Presente alla manifestazione la responsabile dell'Associazione progetto famiglia, Anna Spinelli. Durante il Convegno interventi significativi e profondi: il presidente Lucarelli, sottolinea l'importanza di un’informazione che non deve mai dimenticare le linee guida dell'etica e di un giornalismo sano; il presidente Aniello Cosimato, mette in evidenza quanto sia importante pervenire alla cultura della denuncia, per far sì che non si permettano più violenze fisiche o verbali; l'Avv. Marco Avallone, presidente incoming del R.C. Nocera Inferiore Apudmontem, pone al centro del suo intervento proprio le case famiglie e spesso la loro impossibilità a dare la giusta accoglienza; mentre il candidato al Nobel Giulio Tarro, coautore dell'opera, ha portato all'attenzione della platea la sua esperienza con bambini vittime di violenze, in una società che non riesce a difendere i suoi figli; ed ancora l'intervento di Aurora Torre, direttore di Telenuova, che pone l'accento su eventi di cronaca che dimostrano quanto anche sul territorio dell'Agro sia -taglio2- necessario un vero intervento di prevenzione; il presidente Campitiello, infine, insieme alla giornalista Brigitte Esposito, hanno relazionato sul ruolo dei giornalistici e sulle regole della comunicazione nel raccontare la violenza. Dopo questo secondo momento del Convegno, la moderatrice Lucia de Cristofaro, direttore del nostro magazine, oltre che scrittrice e curatrice dell'opera presentata, chiama sul palco i professionisti rotariani presenti che hanno dato il loro prezioso contributo al libro. “Il progetto promosso dal Club che quest'anno presiedo, può apparire articolato, ma far sì che i club potessero partecipare ad una concreta azione per le case famiglia con anche un reale racconto di esperienza professionali, significa dare un sostegno anche letterario alla problematica, con una divulgazione a largo raggio, non solo sugli undici territori dei club partecipanti, ma anche al Salone del Libro di Torino, per terminare con il concorso di saggi e opere artistiche sul tema, che vedrà coinvolti gli studenti degli istituti superiori e una manifestazione in cui le idee di tutti potranno ancora una volta puntare i riflettori sul problema.” - dichiara de Cristofaro. I vari interventi degli autori rotariani presenti, hanno raccontato l'opera, divisa in due parti e che ha visto la partecipazione anche di Rosanna Lambertucci, Johan Galtung, premio Nobel per la Pace, Dante Maffia, candidato al Nobel per la letteratura, Veronica Maya e tante altre personalità, nei vari segmenti tutti di grande rilevanza socio-culturale, come il Prof. Angelo Gismondi, psicoterapeuta, il dott. Alfredo Salucci, scrittore, il Dr. Felice Scermino, magistrato, Avv. Errico Santonicola, Prof.ssa Marina Cipriani, archeologa. Non ci resta che aspettare il prossimo convegno per continuare a dire il nostro NO alla violenza, affinché tali orrori non avvengano “mai più”.





Booking.com

Booking.com