Cambio generazionale?

di Gennaro Santarpia

Numero 183 - Dicembre 2017

Chi ama il basket, non può fare a meno di guardare il campionato massimo per eccellenza. Stiamo parlando dell’Nba, con questo inizio di stagione ne vedremo delle belle


L’Nba è certamente uno dei campionati più spettacolari e seguiti nel mondo, un susseguirsi intenso di gare che ogni anno culmina con la serie finale che decreta la squadra più forte degli Stati Uniti. Quest’anno, le carte in tavola sono decisamente cambiate, infatti, con l’addio ai Cleveland Cavalier di kyrie Irving, l’ascesa di nuove stelle come Kristaps Porziņģis o Lonzo Ball e le conferme dei Golden State Warriors, l’inizio di stagione è stato decisamente diverso dalle aspettative. I campioni in carica, guidati da Steph Curry e kevin Durant confermano la loro grande abilità di gioco, e soprattutto l’armonia tra i vari componenti del roster, anche se hanno già perso qualche punto per strada proprio contro l’altra grande squadra di questo campionato Nba: i Boston Celtics che col nuovo fattore aggiunto Irving, sono già a 15 vittorie consecutive. -taglio- Se l’anno scorso la squadra di coach Brad Stevens ci è andata vicino davvero di poco, quest’anno sembra avere ben focalizzato l’obiettivo stagionale. Altra grande sorpresa sono i Cleveland di King Lebron James, attualmente al quarto posto, che nonostante stia regalando delle gare al limite del possibile con almeno 40 punti di media, la squadra nel complesso non riesce ancora a trovare la retta via. L’arrivo di Wayde, si pensava potesse rafforzare il team, ma forse c’è ancora qualcosa da mettere a posto per poter ambire ad un posto nelle finals. Infine i San Antonio Spurs, che con un eterno Manu Ginobili riescono a tener testa a squadre nettamente più giovani. -taglio2- Invece, grande è l’impatto in questo campionato 201/2018, dei giovani: Porziņģis ed i suoi New York Knicks stanno dimostrando di poter entrare a far parte dei playoff, certo il talento lettone non può portare avanti la barca da solo per lungo tempo, ma le aspettative sono già state soddisfatte eccome! Altro nome è quello di Lonzo Ball, che nelle ultime due gare è riuscito finalmente a dare un influsso decisivo alla partita mostrando le sue grandi capacità offensive. È ancora presto per fare pronostici di ogni genere, ma forse quest’anno l’Nba è decisamente più avvincente, proprio per questo!





Booking.com

Booking.com